• Italiano
  • Francese
  • Tedesco


  Contact : 021 802 00 19

Cinque esercizi di meditazione facili ed efficaci

Esistono moltissime tecniche di meditazione, ma tutte hanno lo scopo di conoscersi meglio, e mettere la mente a riposo, semplicemente riconnettendosi con il momento presente, senzagiudicare, e accogliendo tutti i pensieri e tutte le sensazioni ed emozioni che arrivano. Ecco cinque esercizi di meditazione che potrete provare per trovare quello che fa meglio al caso vostro.

ESERCIZIO N° 1: CONCENTRARSI SULLA RESPIRAZIONE
Mettetevi in posizione, seduti/e o sdraiati/e, e chiudete gli occhi. Respirate in maniera calma e profonda e concentratevi soltanto sulla respirazione. Prestate attenzione all’inspirazione e all’espirazione. All’aria che passa attraverso le narici, che entra nei polmoni, i movimenti dell’addome  … Se un pensiero vi distrae, non lo cacciate via: accoglietelo, ma riportate subito la concentrazione sulla vostra respirazione. Questo esercizio in apparenza semplicissimo può essere difficile all’inizio, perché i pensieri avranno tendenza a vagabondare in continuazione. Perseverate, e riportate sempre la concentrazione sulla respirazione. Più spesso praticherete, più otterrete dei risultati. Per facilitarvi il compito, potete contare: 1 inspiro, 1 espiro, 2 inspiro, 2 espiro, e così via fino a 10. Se vi perdete nei pensieri, ricominciate da 1. Iniziate a praticare questo esercizio per qualche minuto; in seguito potrete prolungarlo, quando riuscirete a concentrarvi più facilmente.

ESERCIZIO N° 2: PRENDERE COSCIENZA DEL PROPRIO CORPO
Questo esercizio consiste nel portare l’attenzione sulle diverse parti del corpo. Mettetevi comodi/e e chiudete gli occhi. Respirate in maniera calma e tranquilla, ispirando con il naso e espirando lentamente dalla bocca. Portate l’attenzione sulle diverse parti del corpo: prima la testa, poi il cranio, le orecchie, il naso, gli occhi, le labbra. Poi il collo, l’interno della gola, le spalle, la schiena e così via, fino alla punta delle dita dei piedi. Insomma, fate una “scansione” del vostro corpo, ascoltando tutte le sensazioni: un dolore nella schiena, l’aria che entra nei polmoni, gli organi al lavoro, una sensazione di disagio  … Fate delle sessioni di 5-10 minuti per cominciare, poi prolungatele.

ESERCIZIO N° 3: CONCENTRARSI SU UNO DEI CINQUE SENSI
Sedetevi comodamente e, come per gli esercizi precedenti, respirate con calma. Quindi concentratevi su uno dei sensi, per esempio, l’udito. Che cosa sentite? Che sensazione vi provoca? Dopo aver fatto questo per alcuni istanti, passate a un altro senso: la vista, l’odorato, il tatto. Potete fare la stessa cosa con il gusto, quando mangiate o bevete. L’idea è di acquisire la consapevolezza delle sensazioni provate grazie ai vostri sensi.

ESERCIZIO N° 4: LA MEDITAZIONE DEI COLORI
Sembra che i colori abbiano un effetto estremamente potente sull’umore e sulle emozioni, e anche sul corpo. Potete esercitarvi a questa forma di meditazione sedendovi, respirando con calma e tranquillamente, poi visualizzando un colore, o diversi colori allo stesso tempo. Potete immaginare di essere circondati dal colore scelto, e di immergervi completamente in esso. Potete anche lasciare i colori venire a voi. Allora si manifesteranno quelli di cui avete più bisogno.

Ecco i principali colori che potete utilizzare:

Bianco: il bianco calma, ispira e tranquillizza. Aiuta a creare un vuoto interiore e a riequilibrare l’energia. È bene cominciare con il bianco.

Rosso: il rosso rappresenta la passione e la forza. Stimola le emozioni legate all’amore, alla sessualità e alla sensualità, ma anche il coraggio e l’ardore. Favorisce la circolazione del sangue e dell’energia.

Arancione: il colore arancione rappresenta il calore, la vitalità e la motivazione. Porta buon umore, ottimismo e dinamicità. Aiuta a fare il pieno di energie.

Giallo: il giallo rappresenta il sole, la luce. È collegato all’ego e alla salute del sistema digestivo.

Verde: il verde rappresenta la natura terrestre, permette di armonizzarsi con l’energia naturale della terra. È collegato alla salute del cuore.

Azzurro: rappresenta il cielo, la chiarezza e l’apertura. È legato al principio maschile e all’energia del padre, e, nel corpo, alla gola e alle vie respiratorie.

Se avete bisogno di un supporto più concreto, potete praticare questa meditazione su un mandala. Le miscele di colori creano delle armonie e dei contrasti che potete utilizzare come supporto. Dovete lasciare parlare la vostra sensibilità e scoprirete che i colori risuonano in voi in modo diverso e che siete più sensibili ad alcuni di essi quando siete in un determinato stato.

ESERCIZIO N° 5: LA MEDITAZIONE TRASCENDENTALE
La meditazione trascendentale poggia sull’idea che la mente sia naturalmente attirata dalla felicità, e che potrebbe trovarla grazie al silenzio e alla pace interiore. Lo scopo della meditazione trascendentale è quindi di raggiungere uno stato in cui la mente raggiunge la calma e un riposo profondo. Questa meditazione si pratica con l’ausilio di un mantra, un suono astratto, una parola o una frase, trasmesso preferibilmente da un istruttore formato.

La tecnica è molto semplice. Sedetevi, con gli occhi chiusi ripetete il mantra all’interno della mente. Potete fare questo esercizio anche aiutandovi con un mala, una specie di collana di 108 perle che serve a contare le ripetizioni del mantra (si ripete il mantra fino ad avere fatto il giro della collana). La meditazione si pratica in una o due sessioni di una ventina di minuti ciascuna. Se praticata regolarmente, la meditazione trascendentale permetterebbe a tutti gli esseri umani di accedere a risorse inesplorate, correlate all’intelligenza, alla creatività, alla felicità e all’energia.

Fonte: www.passeportsante.net