• Italiano
  • Francese
  • Tedesco


  Contact : 021 802 00 19

I sei tipi di disturbo ossessivo-compulsivo più comuni

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC o OCD in inglese) è una patologia psichiatrica che si manifesta generalmente nel corso dell’adolescenza. Questo tipo di disturbo è caratterizzato innanzitutto da un’ossessione, fonte di angoscia, malessere o disgusto, che la persona non riesce a togliersi dalla mente. Queste ossessioni sono accompagnate da compulsioni, spesso sotto forma di rituali, che possono durare anche diverse ore e che sono molto invalidanti. Ecco i tipi di disturbo-ossessivo compulsivo più comuni. 

L’OSSESSIONE DA CONTAMINAZIONE
La persona che soffre di questo disturbo ossessivo è eccessivamente preoccupata e persino disgustata dalle secrezioni corporee di qualsiasi tipo, dai prodotti tossici, contaminanti ambientali, insetti, microbi… L’ossessione può manifestarsi spontaneamente o alla vista di uno stimolo esterno. Il contatto fisico con l’agente contaminante è accompagnato da rituali di lavaggio eccessivi. La persona si laverà molto spesso (docce molto lunghe, numerosi lavaggi delle mani…) per timore di essere contaminata o sporcata, e farà lo stesso con la sua casa.

LE OSSESSIONI DA DUBBIO O ERRORE
Le persone che soffrono di questo disturbo temono costantemente di avere dimenticato di fare qualcosa e/o di averlo fatto male. La compulsione si esprime con la verifica sistematica ed eccessiva. Le ossessioni da dubbio sono spesso accompagnate da rituali di verifica più o meno vincolanti, effettuati secondo delle modalità ben precise. Il paziente verifica, per esempio, cinque volte di aver chiuso la porta e può ricominciare questo rituale molte volte, in caso di forte angoscia. Può anche manifestarsi con il fatto di rileggere una decina di volte un testo per verificare che non contenga errori.

L’OSSESSIONE DA SFORTUNA E SUPERSTIZIONE
Le persone che soffrono di questo DOC sono ossessionate dal timore di portare sfortuna o che accada una disgrazia. Per le persone che ne soffrono, il fatto di evocare un numero, o di essere in presenza di un colore o di un segno particolari avrebbe la capacità di provocare una catastrofe. Queste ossessioni hanno spesso un carattere religioso o perlomeno spirituale: paura della bestemmia, del sacrilegio, ossessione di ciò che è bene o male. Le ossessioni di sfortuna e superstizione sono spesso accompagnate da rituali scongiuratori che possono prendere la forma della ripetizione di un gesto (per esempio, toccare un oggetto un certo numero di volte) o di una parola, o di aritmomania (contare mentalmente in maniera compulsiva).

L’OSSESSIONE DA SIMMETRIA ED ESATTEZZA
Le persone che soffrono di questo disturbo sono ossessionate dalla simmetria e dall’ordine. Queste ossessioni sono caratterizzate da rituali di sistemazione e verifica: ogni oggetto deve avere un posto ben preciso, le cose devono essere perfettamente simmetriche, ecc. La persona che ne soffre può trascorrere molto tempo a trovare la sistemazione perfetta. Un oggetto che non si trovi al “suo” posto può generare un’angoscia fortissima e pensieri insensati, come “se quest’oggetto non è al suo posto, qualcuno avrà un incidente”. Il bisogno di simmetria ed esattezza può anche essere accompagnato da comportamenti di evitamento, come il fatto di non muovere alcuni oggetti o di non utilizzare mai alcune cose.

I DISTURBI DA ACCUMULO E COLLEZIONISMO
Il DOC da accumulo e collezionismo si esprime con la paura di gettare un oggetto, e con il fatto di raccogliere e ammassare o collezionare oggetti e documenti inutili, provando una grande difficoltà a sbarazzarsene. Questo può concernere un’unica categoria di oggetti o, indifferentemente, qualsiasi tipo di oggetto. Queste persone possono, per esempio, conservare pile e pile di cataloghi pubblicitari e giornali, collezionare numerosi oggetti inutili e persino vivere in mezzo alla spazzatura. Il fatto di doversi separare da questi oggetti crea un’angoscia molto intensa.

LE OSSESSIONI AGGRESSIVE
Le ossessioni aggressive si esprimono attraverso numerosi pensieri aggressivi e violenti, una paura esagerata di fare del male a se stessi o agli altri, di lasciarsi sfuggire degli insulti, di dire o fare cose imbarazzanti, di avere reazioni aggressive o di essere responsabili di qualcosa di orribile. Queste ossessioni sono perlopiù accompagnate da comportamenti di evitamento: la persona evita per esempio di guidare la macchina (paura di investire qualcuno) o di tenere in mano un coltello (paura di avere voglia di ammazzare qualcuno o di farsi male). Questo disturbo può anche tradursi nella ripetizione di parole oscene o rituali di scongiuro. Tra le ossessioni aggressive troviamo anche le ossessioni sessuali: la persona che ne è affetta ha pensieri perversi, pedofili, incestuosi o pensieri che giudica immorali, per esempio pensieri omosessuali non accettati.

Fonte: www.passeportsante.org / Illustrazione: Freepik, Rawpixel.com