• Italiano
  • Francese
  • Tedesco


  Contact : 021 802 00 19

Incontinenza urinaria – le soluzioni esistono

L’incontinenza urinaria è la perdita incontrollata e involontaria di urina che si verifica di giorno come di notte. Non si tratta di una patologia bensì di un sintomo legato, nella maggior parte dei casi, a un disturbo fisico più frequente con l’avanzare dell’età. Si ritiene che, globalmente, colpisca 1 donna su 4 (e dai sessant’anni in poi, almeno 1 su 3). Per motivi anatomici, gli uomini che soffrono di incontinenza urinaria sono due volte meno numerosi.

Sono ancora troppo poche le persone che osano affrontare la questione con il proprio medico. In realtà, nella maggior parte dei casi, esistono soluzioni che risolvono o controllano il problema con successo, anche se si soffre di incontinenza da mesi o addirittura da anni.

PREVENIRE L’INCONTINENZA URINARIA

Di seguito, riportiamo un breve elenco di semplici accortezze che possono aiutare a prevenire e/o a limitare l’insorgenza dei sintomi dell’incontinenza urinaria. 

Mantenere o recuperare il proprio peso forma:  così facendo, si evita che il sovraccarico ponderale eserciti una pressione costante sulla vescica e sui muscoli circostanti.

Rafforzare i muscoli del pavimento pelvico: le donne in gravidanza dovrebbero eseguire degli esercizi per prevenire l’indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico. Dopo il parto, le donne con problemi urinari dovrebbero proseguire questo tipo di allenamento e, se necessario, rivolgersi a un fisioterapista o un esperto di kinesiterapia per la riabilitazione del pavimento pelvico (chiamato anche perineo).

Prevenire e curare i disturbi della prostata: la prostatite (infiammazione della prostata), l’iperplasia prostatica benigna o il cancro alla prostata possono essere all’origine dell’incontinenza. La miglior prevenzione, in questi casi, è la cura tempestiva delle infezioni delle vie urinarie e genitali.

Al primo sintomo di problema urinario (per esempio, difficoltà ad avviare la minzione oppure riduzione del flusso di urina) o, al contrario, in caso di minzione frequente (per esempio, durante la notte), occorre sottoporsi a una visita per verificare l’eventuale presenza di iperplasia prostatica benigna. Le cure sono varie (farmaci e piante).

Nel caso del cancro alla prostata, l’incontinenza può essere una diretta conseguenza della patologia. Tuttavia, il più delle volte si tratta di un effetto collaterale di alcuni trattamenti, come la chirurgia o la radioterapia.

Non fumare: la tosse cronica può portare a episodi occasionali di incontinenza o può aggravare un’incontinenza già esistente dovuta ad altre cause.

Prevenire la stipsi: la stitichezza può causare incontinenza sia negli uomini sia nelle donne. Poiché il retto si trova dietro la vescica, le feci bloccate possono premere sulla vescica e causare, di conseguenza, una perdita di urina.

Controllare i farmaci che si assumono: i farmaci appartenenti alle seguenti categorie possono causare o aggravare l’incontinenza, a seconda dei casi: farmaci contro l’ipertensione, antidepressivi, farmaci per il cuore e per il raffreddore, miorilassanti, sonniferi.

Bere correttamente: ridurre la quantità di liquidi assunti non elimina l’incontinenza, anzi, è importante bere a sufficienza per evitare un’eccessiva concentrazione dell’urina che può irritare la vescica e scatenare l’incontinenza da urgenza. Ecco qualche consiglio:

–  evitare di bere molto in un lasso di tempo ridotto;

–  in caso di incontinenza notturna, ridurre l’assunzione di liquidi la sera;

–  non bere eccessivamente in circostanze “a rischio” (fuori casa, lontano dalla toilette, ecc.).

Prestare attenzione agli alimenti “irritanti”: questa misura riguarda le persone che soffrono di incontinenza da urgenza. Idealmente, occorre ridurre il consumo di agrumi e spremute, cioccolato, bevande contenenti sostituti dello zucchero (bevande “light”), pomodori e cibi piccanti, che irritano la vescica e,  di conseguenza, ne stimolano la contrazione. Per lo stesso motivo, è utile ridurre o evitare l’assunzione di alcol, caffè e altre bevande a base di caffeina (tè, cola).

Prevenire le infezioni urinarie: un’infezione urinaria in una persona che soffre di incontinenza urinaria da urgenza, o sensibile a questo problema, può provocare la perdita di urina. È meglio prevenire le infezioni delle vie urinarie o curarle prontamente.

Fonte: www.passeportsante.net / Illustrazione: Freepik, Macrovector